Fiaccolata a Santa Fiora

Il corteo di fiaccole si snoda per i vicoli degli antichi terzieri di Castello, Borgo e Montecatino, ciascuno con le caratteristiche "carboniere", fin

Palio di Girifalco
Mini-Torciata di San Giuseppe
Fiaccolata all’Abetone 2013
Il corteo di fiaccole si snoda per i vicoli degli antichi terzieri di Castello, Borgo e Montecatino, ciascuno con le caratteristiche “carboniere”, fino al Palazzo Sforza nella piazza principale.

Le feste di San Nicola e di San Michele, caratterizzate dal fuoco rituale, introducevano alle feste del fuoco di fine anno, ed in particolare la Fiaccolata del 30 dicembre
La Fiaccolata è un corteo di fiaccole ardenti che si snoda, secondo le gestualità e le forme espressive originali, dalla piazza principale del paese per le strette strade e i vicoli degli antichi terzieri di Castello, Borgo e Montecatino, tutti corredati dalle caratteristiche “carboniere”, fino a confluire sotto il Portone di Palazzo Sforza, dove la distribuzione della tipica polenta dolce, preparata con farina di castagne, diventa pasto collettivo e simbolica garanzia della continuità della comunità locale.
Le sue origini risalgono all’epoca medievale, quando le fiaccole erano utilizzate per illuminare i sentieri che conducevano alla Pieve di San Giovanni, posta fuori le mura, in occasione della messa di mezzanotte della vigilia di Natale, ma la ritualità si colloca, più in generale, tra le feste del fuoco, simbolo del Sole, proprio nel periodo della sua massima crisi (solstizio invernale), per incoraggiarne la luce e il calore nella stagione dell’oscurità e del freddo, ma anche elemento di purificazione e fecondità.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: