Il Parco di Montioni

Il territorio del Parco di Montioni è prevalentemente collinare ricoperto da boschi di leccio attraversati di sentieri percorribili a piedi, in bicicl

Buongiorno da Montemassi!
Agnello alla maremmana
Riserva Naturale Duna Feniglia

Il territorio del Parco di Montioni è prevalentemente collinare ricoperto da boschi di leccio attraversati di sentieri percorribili a piedi, in bicicletta o a cavallo.
All’interno del Parco troviamo anche due Riserve Naturali Statali: Poggio Tre Cancelli e Marsiliana.
Per quanto riguarda l’aspetto faunistico, nel Parco ci sono le condizioni ideali per lo sviluppo in totale libertà di numerose specie, ed infatti vi segnaliamo abbondanza di caprioli, daini e cinghiali, ma anche volpi, ricci, donnole, istrici e con tutta probabilità sono presenti anche gatti selvatici.  Anche la fauna ornitica è abbondante tra cui: poiane, tortore, sparvieri, falchi bianconi, gufi, civette, barbagianni ecc.
Nel Parco troviamo anche antiche testimonianze storiche come la Pievaccia, costruzione religiosa fortificata del X- XI secolo; i resti del Castello di Montioni; resti di antichi villaggi etruschi e romani; ma soprattutto le cave di allume con relativo villaggio minerario fatto realizzare nel 1809 da Elisa Bonaparte (Principessa del Principato di Piombino). Il villaggio comprendeva le case dei minatori ma anche un palazzo per la residenza della principessa con stabilimento termale i cui resti sono tutt’oggi visibili.

Parco di Montioni

Parco di Montioni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: