Lago di Vagli

Con i suoi 34 milioni di metri cubi di acqua, il lago di Vagli è il più grande bacino idroelettrico della Toscana. Le acque del lago alimentano la cen

San Romano in Garfagnana
Buongiorno da Piazza al Serchio!
Buona giornata da Castiglione di Garfagnana!

Con i suoi 34 milioni di metri cubi di acqua, il lago di Vagli è il più grande bacino idroelettrico della Toscana. Le acque del lago alimentano la centrale di Torrite, con una produzione annua di oltre 150 milioni di KWH. La diga che sbarra il corso del torrente Edron, è alta ben 92 metri a gravità massiccia in calcestruzzo e andamento planimetrico arcuato, 150 metri di arco al coronamento, è stata costruita a partire dal 1941, ma solo dopo il termine della seconda guerra mondiale, nel 1947 e successivamente nel 1952 i lavori furono portati a termine sommergendo prima il paese di Fabbriche di Careggine poi le frazioni di Piari e Pantano.
Ed è così che Fabbriche di Careggine torna a vivere ad ogni svuotamento del lago, come nel 1958, nel 1974 e nel 1983 e nel 1994, quando migliaia di visitatori hanno ripercorso le strette vie medievali del piccolo borgo di fabbri ferrai bresciani e bergamaschi che qui erano giunti per lavorare il minerale ferroso estratto dalla vicina Tambura. Negli ultimi 20 anni il lago non è più stato svuotato, e non si hanno indicazioni certe su quando questo evento eccezionale sarà attuato per i lavori straordinari di manutenzione alla diga.
Dalla diga al paese di Vagli di Sotto la strada costeggia il lago per oltre 4 Km, con bellissimi scorci panoramici sul paese e sulle montagne circostanti. Un breve passeggiata costeggia il promontorio su cui si arrocca l’antico borgo che culmina con la chiesa romanica di San Regolo. La passerella pedonale lunga 122 m, progettata nel 1953, collega Vagli di Sotto con la località Vaiano, unica zona balneabile del lago. Gli appassionati di pesca trovano un’area a regolamento specifico con punti attrezzati e aree pic nic.

Lago di Vagli

Lago di Vagli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: